Simbologia del codice a barre EAN

Il codice EAN a 13 cifre è composto da una stringa di 12 cifre più una cifra di controllo alla fine. Le 12 cifre rappresentano una serie unica che non è mai stata assegnata prima a un prodotto al dettaglio e le ultime cifre correggono errori nella scansione o nell’immissione dei dati. Esiste un processo in 5 passaggi utilizzato per calcolare la cifra di controllo in base alle 12 cifre precedenti:

1: Inizia dalla fine del numero del codice a barre e somma ogni cifra alternativa. Non includere la cifra di controllo se è già presente. Ad esempio, se il nostro numero di codice a barre è 0712345678911, rimuoveremo l’1 alla fine (perché è la cifra di controllo), quindi sommeremo ogni secondo numero iniziando dal lato destro. Quindi otterremo 1+8+6+4+2+7 = 28

2: Moltiplica il risultato del passaggio precedente per 3. 28 x 3 = 84

3: Somma tutte le cifre rimanenti (esclusa nuovamente la cifra di controllo se presente), quindi nel nostro esempio sarà 0+1+3+5+7+9 = 25

4: aggiungi il risultato del passaggio 3 al risultato del passaggio 4. 84+25 = 109

5: La cifra di controllo è il numero più piccolo che può essere aggiunto al risultato del passaggio 4 per creare un multiplo di 10. Quindi, nel nostro caso, possiamo aggiungere 1 a 109 per ottenere 110, un multiplo di 10. Questo rende 1 il nostro cifra di controllo.

Le barre nere del codice a barre codificano i numeri rappresentati sotto in un formato leggibile da uno scanner digitale. Ogni numero è rappresentato da due barre nere e due spazi bianchi vuoti. La larghezza delle barre e degli spazi è ciò che differenzia le cifre quando viene scansionato il codice a barre. Esistono tre diversi schemi di codifica (diverse combinazioni di barre per ciascuna cifra da 0 a 9), noti come L, G e R. Tutti i codici a barre EAN iniziano con una cifra codificata L e terminano con una cifra codificata R, il che significa che gli scanner possono determinare il l’inizio e la fine di un codice a barre e quindi scansionarlo capovolto senza problemi.

.

Le barre nere del codice a barre codificano i numeri rappresentati sotto in un formato leggibile da uno scanner digitale. Ogni numero è rappresentato da due barre nere e due spazi bianchi vuoti. La larghezza delle barre e degli spazi è ciò che differenzia le cifre quando viene scansionato il codice a barre. Esistono tre diversi schemi di codifica (diverse combinazioni di barre per ciascuna cifra da 0 a 9), noti come L, G e R. Tutti i codici a barre EAN iniziano con una cifra codificata L e terminano con una cifra codificata R, il che significa che gli scanner possono determinare il l’inizio e la fine di un codice a barre e quindi scansionarlo capovolto senza problemi.